Bookmark and Share  
 

Navigazione principale

Newsletter Ufficio Studi MiBAC
 
 
 

Attività e Programmi Internazionali

Quattro modi per comunicare - le iniziative del MiBAC (Adele Cesi)

Adele Cesi - MiBAC - Ufficio Patrimonio Mondiale UNESCO, Segretariato Generale, Servizio I

(Iniziative promosse dall’Ufficio Patrimonio Mondiale UNESCO del Segretariato Generale, Servizio I)
Come comunicare e promuovere il Patrimonio Mondiale UNESCO? Una mostra ed il suo catalogo, una pubblicazione a stampa, un film, un sito web: quattro modi diversi per far conoscere al vasto pubblico i siti UNESCO italiani. Il MiBAC risponde in questo modo all’esigenza di presentare i luoghi più famosi d’Italia, descrivendone il carattere per immagini, illustrandone le attività più significative nel campo della conservazione e valorizzazione, collegandoli alle produzioni cinematografiche che li utilizzano come straordinari fondali, dedicando loro un sito web.

Mostra UN-IT (UNESCO-Italia)
(Mostra fotografica e catalogo a cura di Maria Rosaria Nappi, Luciana Mariotti; allestimento a cura di Maria Rosaria Palombi)
Una mostra fotografica suggestiva che ha coinvolto, in un progetto di altissima qualità, alcuni fra i maggiori fotografi italiani, che si sono fatti interpreti dei siti del Patrimonio Mondiale, ciascuno secondo la propria vocazione. Ne hanno restituito un’immagine eterogenea, ma allo stesso tempo evocativa, degli ambienti monumentali, urbani, paesaggistici dei siti stessi. Una mostra fotografica che non descrive ma interpreta il Patrimonio Mondiale.
La mostra è stata realizzata dall’Ufficio Patrimonio Mondiale UNESCO, e dal 2008, grazie all’attività di promozione avviata dal Ministero degli Affari Esteri, viene esposta negli Istituti italiani di Cultura nel mondo, secondo un calendario di prenotazioni che registra il tutto esaurito. I caratteristici ambienti dell’Aranciera della Villa Reale a Monza hanno costituito lo sfondo della mostra stessa durante il Forum UNESCO che si è tenuto nei giorni dal 24 al 26 settembre 2009, del quale l’esposizione fotografica è risultata uno dei luoghi più visitati. Accompagna la mostra un importante catalogo, che raccoglie tutte le fotografie realizzate, comprese quelle che per motivi di spazio non state presentate al pubblico.

UNESCO Italia, Lavori in corso, Esperienze di conservazione e valorizzazione dei siti italiani
(a cura di Manuel Roberto Guido, Adele Cesi, Angela Maria Ferroni, Maria Rosaria Palombi)
La pubblicazione, in tre lingue, italiano, inglese e francese, raccoglie alcune esperienze condotte dai siti UNESCO italiani sui temi della conservazione e valorizzazione, ed è rivolta sia al pubblico nazionale che a quello internazionale, al quale si vuole porgere il risultato concreto di tanti anni di attività svolta nell’ambito del Patrimonio Mondiale.
Conservazione e valorizzazione costituiscono un binomio intorno al quale ruotano tutte le attività dei siti UNESCO, ed il testo, in sintesi, illustra proprio questo binomio. Infatti quando si parla di Patrimonio Mondiale ci si riferisce a luoghi fisici, siano essi monumenti o centri storici, aree archeologiche o paesaggi culturali. Ma questi luoghi hanno bisogno di una continua attenzione per sopravvivere allo scorrere del tempo, ed alle sfide che la modernità impone. Ecco perché non è più sufficiente conservare il patrimonio, che va anche adeguatamente valorizzato e comunicato al pubblico in forme comprensibili, un pubblico eterogeneo fatto sia delle comunità che vivono quei luoghi, che dei turisti che li visitano. La comunicazione è anche parte integrante dell’attività di formazione, svolta a tutti i livelli, da quello scolastico, a quello professionale e specialistico. Conservare e valorizzare, in sintesi, gestire al meglio i luoghi inseriti nella Lista del Patrimonio Mondiale: ecco il compito a cui tutti sono chiamati. Il Volume si divide in quattro sezioni: Tutela e conservazione, Valorizzazione, Comunicazione e formazione, Gestione. In ciascuna di queste vengono presentati alcuni progetti ed attività realizzati nei siti UNESCO italiani dopo l’iscrizione nella Lista, a dimostrazione di come l’iscrizione possa rappresentare una occasione per avviare il primo passo di un processo di crescita culturale, e di valorizzazione economica, condotta quest’ultima secondo il criterio della sostenibilità.

UNESCO I siti italiani del Patrimonio Mondiale. Un percorso tra i siti UNESCO italiani raccontato da Giancarlo Giannini.Film
(a cura di Adriano Pintaldi, montaggio Roberto di Tanna testo Fernando Ferrigno, voce narrante Giancarlo Giannini)
Il film rappresenta la sintesi di due eccellenze del patrimonio culturale: la cinematografia ed i siti UNESCO, dove questi ultimi vengono raccontati prendendo a prestito alcune sequenze di film celebri.
Dalle sequenze di Roma di Federico Fellini con la straordinaria fotografia di Peppino Rotunno; i colori pastello di Ferrara di Al di là delle nuvole di Michelangelo Antonioni e de Il giardino dei Finzi Contini di Vittorio De Sica; la poesia di Francesco Giullare di Dio di Rossellini; i Sassi di Matera nel film La passione di Cristo di Mel Gibson e nel Vangelo secondo Matteo di Pasolini, raccontato in bianco e nero; la bellezza di Firenze nelle indimenticabili immagini di Camera con vista e Un tè con Mussolini di Zeffirelli; gli inconfondibili scenari di Venezia, girata, tra gli altri, da Steven Spielberg in Indiana Jones e da Woody Allen in Tutti dicono I love you. Tutte queste immagini compongono un prezioso puzzle di luoghi indimenticabili, fondali riconoscibili di film notissimi, in cui l’umanità intera si ritrova.

Il sito WEB

Andando all’indirizzo internet www.unesco.beniculturali.it si entra nel sito web dell’Ufficio Patrimonio Mondiale UNESCO del MiBAC. Il sito, in italiano, inglese e francese, è stato creato come strumento di supporto dell’attività dell’Ufficio, con lo scopo di avvicinare il pubblico al tema Patrimonio Mondiale UNESCO, ed aiutarlo a muoversi all’interno dei diversi aspetti che lo caratterizzano (definizione, criteri per l’iscrizione, gestione e monitoraggio dei siti, ecc.). E’ suddiviso in due parti: la prima parte, più descrittiva, fornisce informazioni sulla Convenzione internazionale e sulla sua storia, descrive gli strumenti normativi e procedurali che regolano le attività di presentazione delle proposte di candidatura, delineandone sinteticamente i contenuti. La seconda parte è dedicata ai siti italiani iscritti nella lista del Patrimonio Mondiale, e ne costituisce, in sostanza, una banca dati. Il sito è arricchito, nella sua veste grafica, dalle splendide ambientazioni dei siti UNESCO italiani.

Altre iniziative
Quello della Conferenza nazionale dei siti UNESCO italiani è diventato ormai un appuntamento annuale. L’evento raduna ogni anno, intorno ad un tema diverso, i soggetti gestori dei siti, e mette a confronto le esperienze maturate in quei luoghi sui temi della tutela e conservazione, della valorizzazione e gestione. All’appuntamento vengono spesso invitati, oltre ai rappresentanti degli Organismi di attuazione della Convenzione (Centro del Patrimonio Mondiale, ICOMOS), anche altri ospiti stranieri. Le Conferenze nazionali non esauriscono l’esperienza dell’evento, che viene registrato regolarmente negli Atti, curati e pubblicati dal MiBAC.

 

Immagini

Mostra UNESCO-ITALIA.4
Mostra UNESCO-ITALIA.4
Mostra UNESCO-ITALIA.3
Mostra UNESCO-ITALIA.3
Mostra UNESCO-ITALIA.2
Mostra UNESCO-ITALIA.2
Mostra UNESCO-ITALIA.1
Mostra UNESCO-ITALIA.1